Editorie multimediâl cence confins

Informazion, comunicazion e creativitât par furlan no corin dome su lis frecuencis de “radio libare dai furlans”, ma de radio si slargjin ancje ta chei altris media, dai schermis piçui a chei grancj e po ancje a chei “2.0”.

Tal 1997 inte redazion di Onde Furlane al nas il prin telegjornâl par furlan, che al ven produsût di Informazione Friulana e po trasmetût di un pâr di televisions locâls e simpri de radio, di vincj agns incà, a saltin fûr altris formâts inovatîfs pe television dedicâts al teritori, ae storie, ae creativitât, ae musiche, al sport e ae cuotidianitât dai zovins e plui in gjenerâl de int di chenti, zuiant cu lis imagjins, cu lis lenghis e cui lengaçs, di +Sklet a Balon Salvadi fintremai al plui resint Xtreme Tv.

La produzion audiovisive e cuvierç ancje altris setôrs che no son leâts in maniere direte cu la television. Al è il câs di documentaris che a contin la emigrazion furlane (Farcadice. Diari di Viaç: Colonia Caroya, di Carlo Della Vedova e Luca Peresson), la imigrazion in Friûl (È permesso? Tre storie di immigrazione e lavoro, di Silvia Canciani e Giorgio Cantoni) o la vite stesse de radio (La radio libare dai furlans libars di Massimo Garlatti-Costa). Cence dismenteâ il contribût ae fiction, a tacâ di Buris. Libars di scugnî vignî, mockumentary fat di Massimo Garlatti-Costa tal 2001.

La ativitât editoriâl tal setôr audiovisîf e cjape dentri ancje produzions fatis intes scuelis, inte suaze di progjets di lenghe furlane, di comunicazion e di educazion ambientâl.

social shares
Torne insomp de pagjine